Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale

come se alzandomi la notte bruciante di febbre
bevessi l’acqua con le labbra sul rubinetto
ti amo come guardo il pesante sacco della posta
non so che cosa contenga e da chi
pieno di gioia pieno di sospetto agitato

Continue reading “Ti amo come se mangiassi il pane spruzzandolo di sale”

Venite, Spiriti


che presiedete a pensieri di morte, toglietemi il sesso, Continue reading “Mutate il mio latte in fiele, voi, ministri d’assassinio”

Bernardo Bertolucci, Novecento, Il Quarto Stato

La prima volta che sentii parlare di “Novecento”, a mio avviso il capolavoro di Bernardo Bertolucci, fu da un critico cinematografico, al termine di una proiezione nel vecchio Cineforum dell’Oratorio “Paolo VI” di Desenzano. Erano i primi anni ’80, “Novecento” era uscito nelle sale appena sei o sette anni prima, e quel critico chiamato a commentare la proiezione in programma quella sera, prendeva a riferimento “Novecento” criticandone la vicenda e le immagini che riteneva convenzionali: «i santini dipinti da “Novecento”». E’ buffo: non ricordo il film in programma quella sera, ed è normale, sono trascorsi 35 anni; e tuttavia ricordo testualmente, come fosse ieri, la battuta di quel critico, persino la gestualità che l’accompagnò, e mi è ritornata in mente oggi, alla notizia della morte di Bertolucci. Continue reading “Bernardo Bertolucci, Novecento, Il Quarto Stato”

Los valles solitarios nemorosos

… Mi amado, las montañas, los valles solitarios nemorosos, las ínsulas extrañas, los ríos sonorosos, el silbo de los aires amorosos, la noche sosegada, en par de los levantes de la aurora, la música callada, la soledad sonora, la cena que recrea y enamora…

Canciones 14 y 15 Cántico de Amor B
Juan de la Cruz

Ho visto l’alba e il tramonto

«Ho visto l’alba e il tramonto, il sorgere della luna nell’immensa solitudine delle montagne, ho ascoltato i canti, le musiche tradizionali e le fiabe e i discorsi del popolo. E così si è formata la mia arte, come una canzone, o un motivo che sgorga spontaneo dalle labbra di un poeta primitivo».

Grazia Deledda
Discorso di accettazione del Premio Nobel per la Letteratura

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: